Filastrocca un po’ diversa
di Agnese di Maggio

La mia sorellona Sofia
parla a voce alta e poi va via
Ha gli occhi belli come il cielo
e la sua pelle è come un velo
Cammina un po’ pesante
come un elefante, ha le mani ritagliate
che sembrano fatate
le muove a suo piacere
che tutti le vogliono vedere
Le sue frasi sono tante
che alla fin sei boccheggiante
E se sente una sgridata…
si è già arrabbiata.
A lei piace il filino
per lei è un bel giochino
a te può sembrar strano
ma prova a levarglielo di mano.
Balla latino americano
e se è stanca si butta sul divano.
Usa sempre il registratore
e lo fa a tutte le ore,
Riascolta le sue risate
Ma anche le sue cavolate.
E’ nata un po’ diversa
ma lacrime non versa.
A me dispiace un po’
Ma me ne fregherò
e tanto ben per sempre le vorrò.