ANCORA PIU' SPORT:

GOLF E PALLAVOLO CON ANFFAS E COMPANY

 

Dopo la pausa estiva con le discese con il rafting grazie alla disponibilità di Indomita River, sono proseguire le attività sportive promosse da Anffas anche in collaborazione con Coni Comitato di Sondrio, Fondazione Decathlon, Valtellina Golf Club e altre Associazioni Sportive e Sociali del territorio.

L'evento dedicato al Golf rappresenta la terza tappa del Campionato FuoriPorta realizzato grazie alle collaborazioni di cui sopra e che ha visto una partecipazione molto forte di atleti in forza preso nove gruppi provenienti da tutta la provincia.

Alle dieci del mattino del 18 ottobre sono iniziate le attività in buona parte dedicate a pratica, putting green, gioco corto e gioco lungo e, successivamente, al tanto atteso momento competitivo fondamentale per valorizzare la classifica che si sta delineando dopo gli eventi dedicati alle bocce a Sondrio e al nordic walking a Tirano.

La sfida, attentamente coordinata dal maestro, vedeva come obiettivo l'andare a segno con il minor numero di colpi possibili su tre buche.

Ogni gruppo ha nominato tre atleti che si sono misurati e confrontati sul campo e che ha visto una lotta per il podio da parte dei seguenti gruppi: Socievoli di Chiavenna, Prati di Cosio Valtellino e Fenice di Mese. Al termine del gioco sono riusciti a ottenere il miglior punteggio gli atleti dei Prati con 24 colpi, solo tre tiri in più da parte dei chiavennaschi che hanno soffiato il secondo posto agli atleti di “Fenice” che ha concluso con 28 colpi. La classifica prosegue con gli atleti “Malenc” di Tirano in quarta posizione e, a seguire, Insieme, Sorriso, Spacconi, Arcobaleno, Accordiamoci.  Al termine della gara tutti hanno pranzato usufruendo del servizio catering.

E' d'obbligo un forte ringraziamento alla Sig.ra Eleonora Carollo sempre molto gentile e accogliente, al maestro Guerisoli e ai soci e a tutte le persone del Valtellina Golf che hanno contribuito alla realizzazione di questa bella giornata anche garantendone la continuità da diversi anni.

Il Campionato FuoriPorta proseguirà con l'ultima tappa a Morbegno dedicata alla pallavolo.

I gruppi di pallavolo Gasp di Sondrio e Morbegno hanno invece avviato a settembre le attività di allenamento e già partecipato a due trasferte. La prima, amichevole Special Olympics, a Concorrezzo dove le diverse squadre hanno deciso di miscelare tutti gli atleti per una giornata molto simpatica dedicata si allo sport, ma anche alle relazioni e all'amicizia che si è venuta a costituire tra i componenti delle otto squadre presenti.

Venerdì 26 ottore ben diciotto atleti sono invece partiti per la consueta trasferta a Ravenna dove è stato organizzato il secondo campionato italiano di pallavolo integrata promosso da Coni e Fisdir. Si tratta di un campionato derivante dal torneo nazionale promosso da diversi anni dai due enti e che presenta ancora alcune necessità di assestamenti con particolare riferimento all'individuare un maggiore equilibrio tra le squadre presenti.

Gasp Morbegno è stata l'unica compagine che ha partecipato con due squadre su un totale di dieci gruppi presenti e provenienti da tutta Italia: decisione presa all'unanimità per evitare una panchina che sarebbe risultata troppo nutrita e per permettere così a tutti di prendere parte al gioco.

Il primo gruppo si è purtroppo trovato in un girone estremamente difficile che ha visto la presenza delle squadre più forti come poi la classifica finale ha dimostrato: i gruppi incontrati hanno infatto guadagnato il primo posto (Pesaro), terzo (Urbino) e quindo (Napoli).

E' andata meglio per il secondo gruppo che ha subito strappato una vittoria al terzo set nei confronti della compagine di Roma per poi ottenere un netto due a zero nei confronti di una delle due squadre provenienti da Cremona.

Battuta di arresto invece con la “Cremonesini Volley”, compagine sempre molto difficile da superare e dotata di una capacità di palleggio eccezionale: in questo incontro Gasp ha veramente mancato per un soffio il successo perdendo entrambi i set con un 15-14. La quarta partita sembrava senza storia in quanto il gruppo di Castelleone è sempre stato un ostacolo quasi insormontabile, tuttavia dopo un primo set dove Gasp arriva solo a 8 punti il secondo vede il prevalere del gruppo morbegnese. Emozioni al limite per il terzo set dove però, anche se solo per due punti, il Castelleone prevale.

Alle finali Gasp si trova ad affrontare la compagine di Napoli, già sul podio nel campionato dell'anno precedente. Sembrava una partita persa in partenza ma, anche in questo caso, dopo un primo set non favorevole, gli atleti morbegnesi si aggiudicano il secondo con ottime possibilità di aggiudicarsi anche la bella che però è stata vinta dagli avversari anche se solo per due punti di vantaggio: 15 a 13 a favore dei partenopei.

Gasp quest'anno e in questo circuito si è dovuto “accontentare” della sesta posizione del campionato nazionale.

Unanimi sono stati gli apprezzamenti da parte di dirigenti e allenatori delle altre squadre presenti che hanno sottolineato i notevoli progressi degli atleti di Gasp.

Gasp-Anffas ringrazia tutte le realtà che sostengono queste iniziative e danno appuntamento al prossimo evento ormai in fase di partenza ovvero il Settimo Trofeo Gasp che vedrà il coinvolgimento di una decina di gruppi provenienti dal mondo sportivo e sociale della provincia di Sondrio.

____________________________

 

REI

REDDITO DI INCLUSIONE

CHE COS’E’  E COME FUNZIONA

 

Il Reddito di Inclusione (Rei) è una misura nazionale di contrasto alla povertà. Il Rei si compone di due parti:

1. un beneficio economico, erogato mensilmente attraverso una carta di pagamento elettronica (Carta Rei)

2. Un progetto personalizzato di attivazione e di inclusione sociale e lavorativa volto al superamento della condizione di povertà

 

Il beneficio è concesso per un periodo massimo di 18 mesi, trascorsi i quali non può essere rinnovato se non sono trascorsi almeno 6 mesi. Si precisa che dalla predetta durata massima del Rei devono essere, comunque,m sottratte le mensilità di Sostegno per l’Inclusione Attiva (SIA), eventualmente già erogate al nucleo familiare.

 

Il progetto viene predisposto con la regia dei servizi sociali del Comune, che operano in rete con gli altri servizi territoriali (es. centri per l’impiego, ASL, scuole, etc.) nonché con soggetti privati attivi nell’ambito degli interventi di contrasto alla povertà, con pratico,lare riferimento agli enti non profit. Il progetto coinvolge tutti i componenti del nucleo familiare  e prevede l’identificazione degli obiettivi che si intendono raggiungere, dei sostegni di cui il nucleo necessita, degli impegni da parte dei componenti il nucleo a svolgere specifiche attività- (es. attivazione lavorativa, frequenza scolastica, tutela della salute, etc.). Il progetto è definito sulla base di una valutazione globale delle problematiche e dei bisogni da parte dei servizi, insieme al nucleo…...

continua a leggere  .....vedi pdf allegati